Saflisphass (1°)

Panorama
Divertimento
Impegno fisico
Difficoltà tecnica
Media

E’ il primo dei nostri giri, di uno viaggio meraviglioso che abbiamo voluto chiamare Cervino 360°. Il primo giro non si scorda mai, anche il nostro fisico non lo scorderà mai.

Decidiamo di dormire a Visp, ma il giro parte da Briga, bisogna prendere il treno. Su questo non ci sono problemi la Svizzera ha mezzi efficienti, ma discretamente costosi. Preparatevi. Il prezzo del biglietto Visp-Fiesh è di 14 franchi e 14 franchi costa la bici, uno sproposito !!!

Fermata del treno la prima di Fiesh (ce ne sono varie, scendete non appena leggete Fiesh). Da queste parti troverete un supermercato per un panino da portare dietro.

Circa 12km di asfalto a salire. Mai duri. Poi sterrato sempre fattibile, fino all’inizio di un single treck spettacolare alla base del Saflishpass. L’attacco di questo sentiero è dopo circa 25km e ben 1400m di ascesa. Restano ancora 300m di salita prima del passo. E per la prima volta vediamo le marmotta delle alpi, che spettacolo, bella, calda, nella sua pelliccia lucida, mi sfida nella sua andatura barcollante, ma non sa chi sono io!!!

Lo ammettiamo, noi ‘giovinotti di sta Roma bella’, abbiamo sputato il sangue su questo giro, prima l’ambientazione ad alta quota, d’altronde il massimo a cui tutti giorni ci sottoponiamo è 50 slm, secondo la sella, terzo la salita che non finiva mai. Abbiamo fatto a gara con 2 simpatici signori, la cui età media era 65 anni. Gli unici esseri viventi, a parte le marmotte, nella zona. Quando alla fine, ma solo per orgoglio, ci siamo distaccati, abbiamo incontrato le loro compagne fresche allegre e preoccupate e ci siamo chiesti quanto potevano essere toste queste svizzere. Alla fine, arrancando sul tratto finale di spingismo per raggiungere il passo, abbiamo visto i monti intorno a noi, eravamo finalmente estasiati.

Inizia la discesa, felici che la salita era alle nostre spalle, ma questa è una discesa lunghissima, che non finisce mai. Bellissima, un susseguirsi di panorami ed ambienti, boschi, tratti esposti, ripidi, con rocce, con radici, con fiumiciattoli. Insomma di tutto. C’è così tanta discesa che io a un certo punto, non lo avrei mai creduto, mi arrendo e sogno l’Olanda.

Purtroppo per Sergio questa goduria finisce a Briga, io sono abbastanza provata e ci tocca pedalare 10km per tornare a Visp.

La traccia finisce a Briga quindi nel caso si può partire da li, ma noi non volevamo muovere il camper. Il collegamento tra Birga e Visp è anche fatto con un pista ciclabile, che noi data l’ora tarda non abbiamo voluto cercare. Abbiamo percorso quindi una strada al altro scorrimento che sconsiglio, cercate la ciclabile sicuramente più tranquilla che porta diretta al campeggio.

L’acqua c’è all’inizio del giro, ma poi diventa sempre più remoto il posto. Consiglio di portarvene a sufficienza.

Total distance: 59.75 km
Max elevation: 2561 m
Min elevation: 649 m
Total climbing: 1807 m
Total descent: -2126 m
Total time: 09:23:55
Esegui il login per scaricare la traccia

Lascia un commento