Mentorella

Panorama
Divertimento
Impegno fisico
Difficoltà tecnica
Media

Finalmente dopo anni di racconti sulla Mentorella con Michela troviamo l’occasione per andare a scoprire questo sentiero leggendario sotto il Monte Guadagnolo a due passi da Roma

Parcheggiamo a Pisoniano e saliamo fino al cimitero di Capranica Prenestina dove decidiamo di lasciare il noioso asfalto ed avventurarci per la sterrata verso Monte Callo. Il sentiero è un buona parte pedalabile con alcuni brevi tratti a spinta, presenta anche alcune divertenti sezioni tecniche. Panorama non pervenuto a causa del maltempo: nuvole basse, pioggerellina, vento forte e freddo sono stati i nostri compagni di viaggio. Poco dopo la croce di Monte Callo riprendiamo l’asfalto per Guadagnolo, non saliamo al paese ma tiriamo dritti verso il Santuario della Mentorella senza farci scappare un breve tratto in freeride.

Veloce giro del Santuario, visita alla grotta di San Benedetto e dopo aver salutato i teschi umani ci dirigiamo verso il Sentiero Karol Wojtyla. La prima metà del sentiero non presenta grosse difficoltà eccetto alcuni tornanti stretti, il fondo è compatto e ci sono alcuni passaggi tecnici su roccia. Un buon riscaldamento per quello che verrà dopo…

Nella seconda metà le sezioni tecniche su roccia iniziano a diventare la norma, i tornanti si susseguono in rapida successione e il sentiero diventa mediamente più ripido con radici che spuntano come funghi! Questa è la parte ovviamente più divertente per chi ama le sfide 🙂
Purtroppo la discesa finisce in fretta, circa 400m di dislivello, e rientriamo a Pisoniano evitando l’asfalto ma spingendo un breve tratto in salita.

La Mentorella ci ha lasciato soddisfatti, breve ma intensa. Vi consigliamo di non farla come noi con l’umido visto che le rocce diventano come il sapone anche se come me potreste trovarla più divertente!! 😀 😀

Distanza totale: 25.76 km
Altitudine massima: 1187 m
Altitudine minima: 422 m
Totale salita: 1071 m
Totale discesa: -1084 m
Tempo totale: 05:56:43
Esegui il login per scaricare la traccia
Share on Facebook17Tweet about this on TwitterShare on Google+0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *